Davy Jones

 

“Il mare. La maggior parte del tempo dorme, ma i suoi risvegli sono terribili. Non tenta di ucciderci perché ci odia; è la sua natura”

E’ nelle notti di bonaccia come questa che mi tornano in mente le parole di mio nonno. Guardo il mare, gli strani effetti che producono le luci infrangendosi sul pelo dell’acqua e penso. Il mare. Quell’enorme distesa d’acqua può essere la vita per noi pescatori o può rappresentare la nostra tomba.

“Ti fa paura il mare James?”

“No, nonno. Paura no… infondo sembra stia come dormendo”

” La maggior parte del tempo dorme, ma i suoi risvegli sono terribili. Non tenta di uccciderci perché ci odia; è la sua natura”

Mio nonno… mi vengono le lacrime agli occhi quando penso a lui: è uno di quello per cui il mare è stato fatale. Mi torna in mente la storia che mi aveva narrato una volta, una leggenda che tutti i marinai conoscono, una leggenda che è tutta contenuta in un nome: Davy Jones.

“Sai chi è Davy Jones, James? No, vero? Beh, Davy Jones è lo spirito del mare, lo spirito crudele del mare. E’ un essere terribile che gode nell’accaparrarsi i relitti delle navi affondate e nell’uccidere i marinai che solcando il mare, lo sfidano. Tutti i marinai conoscono il suo nome, e lo temono. Davy Jones è sempre presente quando una nave si trova nel bel mezzo di una tempesta e quando un marinaio teme per la sua vita.”

Poi aggiunse: ” Io una volta l’ho visto, sai, e mi ha detto che si vendicherà di me. Ma il mare è la mia vita e non posso rinunciarvi”

Mio nonno morì un mese dopo. Anzi, fu dichiarato disperso in mare, perché il corpo non fu mai trovato. Mio padre, che era sulla barca insieme a mio nonno, invece si salvò e raccontò di una terribile tempesta e del nonno, che chiaramente impazzito correva da poppa a prua, urlando come un forsennato.

Raccontò di un’onda terrificante che sommerse completamente la nave.

La cosa strana è che nessuna perturbazione venne registrata nell’area in cui è affondata la nave di mio nonno quel giorno. Nessuna tempesta. Neanche una piogerellina estiva. Niente di niente era euccesso al largo di Plymouth il 22 Agosto 1900. Almeno, secondo le fonti ufficiali.

Davy Jones… ero un ragazzino a quel tempo. Eppure, neanche dopo essermi sposato la convinzione che fosse lui l’assassino di mio nonno in cuor mio perse consistenza. Ne sono sempre stato convinto. Come sono sempre stato convinto dell’esistenza di Davy Jones. E poco tempo fa ne ho avuto la certezza. L’ho visto, ho visto sul fondo del mare camminare un orribile essere, coperto di reti e alghe. La sua altezza era innaturale. L’ho visto chiaramente, illuminato dalla luce delle lampade. Ha alzato gli occhi verso la barca. Due occhi rossi, ardenti come tizzoni.

“Tu, James Keenan, porti il fardello di tuo padre. Tu sei maledetto come lui. Siete bravi marinai, ma peccate di superbia. Mi sfidate. Quando durante le terribili tempeste uscite con le vostre barchette e tornate al molo salvi, mi sfidate. Quando inseguite i grandi banchi di pesci per miglia e miglia, fregandovene della robustezza delle vostre imbarcazioni, mi sfidate. Quando pescate quegli enormi animali, impoverendo il mio regno delle sue meraviglie, voi mi sfidate”

Mi ha lasciato il tempo di raccontare, Davy Jones. Ma sento fuori cominciare a soffiare il vento. Devo andare a governare la nave. La battaglia è cominciata, mio malgrado.

22 Agosto 1936

John finì di leggere il diario di bordo. Piangeva. Erano passati cinque giorni da quando sua madre, anche lei in lacrime, gliel’aveva dato in mano dicendogli: “E’ tutto ciò che hanno trovato della barca di tuo padre”

Solo ora aveva avuto il coraggio, la forza e, anche se si vergognava ad ammetterlo a se stesso, l’interesse per leggere. Nessuna speranza che, dopo la terrificante tempesta che si era scatenata al largo di Plymouth, qualcuno dell’equipaggio in forza sulla barca dei Keenan si fosse salvato.

Suo padre e suo nonno erano sicuramente morti secondo le autorità portuali.

Il ragazzino si voltò verso la finestra.

Da lì, poteva vedere l’oceano.

La maggior parte del tempo dorme, ma i suoi risvegli sono terribili. Non tenta di ucciderci perché ci odia; è la sua natura.

Annunci

Informazioni su erikberti

It's frankly hard to describe myself in this little space, but I'll try to do my best: I'm 29, graduated in fashion and design. I love to write tales and novels and to study languages... I love words, their meaning, their importance, the deepest emotions that they can create when they are close to each other, the stories one can tell with words. Yes, stories. I'm obsessed by the infinite number of stories that can be told. This is my personal diary, I will post poetries, writings and streams of consciousness, that will be probably gathered together in a collection. Thank you for following my dream!

Pubblicato il 07/10/2011 su Other. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

ultimatemindsettoday

A great WordPress.com site

Quartz

Quartz is a digitally native news outlet for the new global economy.

Herman van Bon Photography

Fine Art Photography, Napier, South Africa.

The Little Butch That Could

Soft Butch in a New Country

Breaking Red

Confessioni di una lesbica 2.0, anche se a volte dimentico di fare l'aggiornamento!

Life In The Fag Lane

Stories from a gay man living in a not-so-gay world.

lgbticons

Celebrating LGBT people of achievement

Modern Day Stonewall

The struggle isn't over.

Straight, No Chaser.

A Traditional Photography Blog - dehk © 2016

SwittersB & Exploring

Photography, Fly fishing, Life, Visuals & Fun

Tokyobling's Blog

Tokyo in Photos

BEGUILING HOLLYWOOD

If you want a little historical perspective you're home.

Source of Inspiration

All is One, co-creating with the Creator

amerblog

Just another WordPress.com weblog

Longreads

The best longform stories on the web

Global Sojourns Photography

Photography & Philosophy

Kindness Blog

Kindness Images, Videos, True Life Stories, Quotes, Personal Reflections and Meditations.

Deathsplanation

n. 1. The act or process of explaining about death 2. Something that explains about death 3. A mutual clarification of misunderstandings about death; a reconciliation.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: